Il Radicchio di Treviso IGP guarda al marketing innovativo

convegno 300x151 Il Radicchio di Treviso IGP guarda al marketing innovativo 

Torna dopo il successo dello scorso anno il momento di approfondimento sul tema “Il Radicchio si interroga sul suo futuro” realizzato dal Consorzio di Tutela del Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco IGP, in collaborazione con Coldiretti, CIA e Confagricoltura di Treviso e il patrocinio di Camera di Commercio, Provincia e Città di Treviso.

Il tema scelto quest’anno è “Il marketing fatto bene aiuta ad ampliare la rete vendita” e vedrà confrontarsi  dalle 9.30 di Domenica 7 Dicembre (Auditorium Santa Croce, Piazza della Dogana) cinque esperti di settore.  “Un tema che riteniamo di fondamentale importanza e attualità – afferma il presidente del Consorzio, Paolo Manzan, che aprirà i lavori – di interesse per i nostri associati, ma crediamo per l’intero settore agroalimentare. In questo particolare momento storico, con scarsità di risorse, è importante capire quali sono gli investimenti strategici e quali le nuove opportunità. Sarà anche l’occasione per mostrare in anteprima il lavoro per il rinnovo dell’immagine coordinata che il Consorzio di Tutela ha avviato in questi mesi”. Interverranno:

  • Giovanni Dal Poz di Konò Comunicazione: La sostenibilità delle aziende passa anche dalla comunicazione;
  • Johnny Tomè, socio amministratore di Valsana srl e AD di The Amazing Food Company srl: L’esperienza di una start up nell’e-commerce;
  • Stefano Zanette, presidente Consorzio Prosecco DOC e Cantina Sociale Cooperativa di Conegliano e Vittorio Veneto: L’esperienza del mondo vinicolo che ha saputo fare squadra e creare un sistema vincente;
  • Mario Dalla Riva, responsabile Marketing Latteria Soligo: Casatella Trevigiana DOP e Radicchio di Treviso IGP, problemi comuni e possibili strategie per difendere il reddito dei produttori;
  • Antonio Motteran, esperto di strategia aziendale e docente: Come incrementare il valore e l’immagine del Radicchio Rosso di Treviso IGP.

E’ previsto anche il saluto di Paolo Fontana, presidente della World Biodiversity Association e la proiezione del video-cartoon sul tema della biodiversità cui ha partecipato anche il Consorzio di Tutela del Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco IGP.

Il convegno, in questa sua seconda edizione, si inserisce nell’articolato programma della 107^ Antica Mostra del Radicchio Rosso di Treviso IGP, evento che torna nella sua città completamente rinnovato e pensato come iniziativa di marketing territoriale. In una suggestiva location lungo il fiume Sile, da Sabato 6 a Lunedì 8 Dicembre, la piazza dell’Università nel Quartiere Latino si trasformerà nel cuore pulsante di un evento che contagerà tutta la città di Treviso. Capofila il Consorzio di Tutela del Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco IGP che ha il sostegno del Progetto Aggregato per la promozione delle grandi DOP e IGP del Veneto (oltre al Radicchio di Treviso, il Radicchio di Chioggia, il Radicchio di Verona, l’Insalata di Lusia, gli Asparagi di Cimadolmo e Badoere, i Marroni di Combai e del Monfenera, l’Aglio Polesano e l’Olio del Garda).

Possiamo dire che questa edizione dell’Antica Fiera – ha affermato il direttore del Consorzio, Denis Susannasarà il frutto di un grande gioco di squadra: la Regione ci sostiene attraverso il Programma di Sviluppo Rurale, Comune e Provincia di Treviso hanno dato il loro patrocinio, le Pro Loco dell’Unpli saranno al nostro fianco per l’organizzazione delle degustazioni in piazza. Ma abbiamo la collaborazione, per la prima volta, dell’intera città che giustamente celebra in grande stile il suo prodotto principe, eccellenza tra i prodotti tipici italiani, che ha fatto conoscere in tutto il Mondo il nome di Treviso”.

 IL PROGRAMMA DELLA TRE GIORNI IN PIAZZA

Si comincia Sabato 6 Dicembre (dalle 16 alle 20) con l’apertura della manifestazione nella piazza dell’Università dove una grande tensostruttura ospiterà le degustazioni dei Radicchi IGP curate dalle Pro Loco con i piatti della tradizione trevigiana: risotto al radicchio, ma anche pasta e fagioli e radicchio, cotechino e radicchio. Nel Quartiere Latino la grande festa si animerà anche con mostra mercato del Radicchio IGP e dei prodotti lavorati a base di questo ortaggio che ormai si declina in tante specialità dalla birra al panettone, dalle conserve ai formaggi. Al fianco del Consorzio di Tutela del Radicchio IGP scenderanno in campo anche gli altri grandi prodotti tipici della provincia con i rispettivi consorzi: Casatella Trevigiana e Prosecco DOC per una festa della trevigianità agroalimentare troverà spazio anche Treviso Mercati Spa importante realtà della filiera distributiva a servizio del territorio con prodotti di alta qualità.

Domenica 7 Dicembre e Lunedì 8 Dicembre la mostra prosegue per tutto il giorno (dalle 10 alle 20) con alcuni significativi momenti: alle 12 di Domenica l’inaugurazione ufficiale e, ad intervalli, gli show cooking curati da Giancarlo Pasin chef dell’Osteria alla Pasina di Dosson di Casier che interpreterà il Radicchio di Treviso con il Riso Vialone Nano Veronese IGP con i formaggi tipici della Marca: la Casatella Trevigiana DOP e il Morlacco del Grappa.

 GUSTO IN CITTA’, IL RADICHIO PROTAGONISTA IN OSTERIE, RISTORANTI e NEGOZI

Grazie al sostegno di Fipe-Unascom all’Antica Mostra, la tre giorni si trasformerà anche un inno corale della gastronomia e dell’accoglienza trevigiana al suo prodotto tipico. Sei osterie tipiche e undici ristoranti hanno infatti aderito all’iniziativa Gusto in città. Il rito cittadino dello spritz sarà infatti accompagnato dai tipici “cicchetti” a base di radicchio, mentre i menù dei ristoranti proporranno piatti speciali a base di Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco IGP. Grazie all’adesione del gruppo ortofrutta Unascom, i negozi di frutta e verdura della città garantiranno inoltre la presenza di radicchi IGP per tutti i prossimi giorni.

 LE ECCELLENZE GASTRONOMICHE AL CENTRO DELLA PROMOZIONE DEL TERRITORIO

Grazie al sostegno di Marca Treviso sono stati messi a punto appositi pacchetti di soggiorno in città che daranno diritto anche ai buoni degustazione per mangiare all’Antica Fiera (Info: www.marcatreviso.it). Inoltre l’associazione Strada del Radicchio ha messo a punto diversi itinerari guidati nelle terre del radicchio, partendo dalle aziende agricole, dove scoprire il processo produttivo dello straordinario fiore d’inverno, per poi scoprire l’acquacoltura del Sile, le oasi del parco, le cantine vinicole e le ville venete (Info: www.stradadelradicchio.it). Proprio per sottolineare l’importanza di questo evento nella promozione anche turistica di Treviso, in piazza dell’Università si trasferirà per tre giorni anche lo IAT, l’Ufficio informazioni Turistiche e anche la Strada del Radicchio avrà il suo spazio informativo.

Ufficio Stampa a cura di Zeta Group srl 0422.303042 stampa@zetagroup.tv

Condividi!

About Redazione