Uomo e ambiente, a Paesagire si festeggia la Giornata della Poesia

grazie Uomo e ambiente, a Paesagire si festeggia la Giornata della Poesia

Il paesaggio nella voce dei poeti. Venerdì 21 marzo, in occasione della Giornata Mondiale della Poesia, la rassegna PaesAgire propone una serata letteraria dedicata proprio al paesaggio. Lo spettacolo di parole, suoni e luci a cura dagli studenti dell’ISISS Marco Casagrande coordinati dalla Prof.ssa Enza Carbone, si terrà a partire dalle 20.45 presso l’Auditorium “Battistella-Moccia” di Pieve di Soligo (TV). Ingresso libero e gratuito.

Prof.ssa Enza Carbone – ISISS M: Casagrande

“Il tema della rassegna “Paesaggi Sostenibili/Paesaggi Insostenibili” verrà analizzato attraverso lo sguardo privilegiato della prosa e della poesia, che nei secoli hanno trovato nella natura una fonte inesauribile d’ispirazione. Sia essa matrigna o manifestazione divina ed idealizzata, la natura è intrinsecamente presente nella letteratura di tutto il mondo e di tutte le epoche. Con gli studenti ci siamo posti alcune domande: come veniva percepita nel suo legame con il paesaggio? Esisteva l’idea di sostenibilità ambientale in epoca greca e romana? Si può parlare di paesaggio sostenibile in città e in metropoli come Milano? Lo spettacolo cercherà di trovare le risposte.”

La grande sfida dei giorni nostri, quella di garantire un futuro possibile al pianeta che ci ospita, per consegnarlo in condizioni di buona vivibilità alle generazioni future, necessita di un forte cambiamento culturale, affinché l’ambiente non sia visto in contrapposizione allo sviluppo, ma lo sviluppo sia invece concepito in funzione della compatibilità ambientale. Ecco quindi che entra in gioco la scuola, chiamata a costruire la sua offerta formativa con gli studenti come protagonisti attivi. La scuola come luogo della cultura, dove è possibile sviluppare la capacità di indagine e valutazione della complessità dei sistemi ambientali e culturali. La scuola come volano di questi valori per cambiare realmente la cultura ambientale, riaffermando il rispetto e l’attenzione per ciò che è anche bene altrui, da salvare e tutelare per le future generazioni. Se il nostro stile di vita e le nostre città allontanano i ragazzi dalla bellezza della natura, momenti di riflessione e dialogo come quello offerto da PaesAgire possono permettere di leggere il paesaggio per capire la natura, la storia e la cultura dei luoghi.

Con l’accompagnamento musicale di chitarre e pianoforte, suonati dagli stessi allievi della classe 3^A del Liceo Scientificogli studenti reciteranno alcuni brani tratti da testi letterari patrimonio della cultura mondiale. La scelta degli autori, che parleranno dal palcoscenico della 6^ edizione di PaesAgire attraverso le voci dei ragazzi, si è basata sulla ricerca della sensibilità ecologica degli antichi e sul rapporto simbiotico tra uomo e natura esaltato in pagine indimenticabili della letteratura italiana ed europea. È così che andranno in scena i grandi classici di Omero, Sofocle, Lucrezio, Cicerone, Virgilio e Seneca e la sensibilità moderna di D’Annunzio e Calvino, di Jozsef e della Dickinson, di Caproni, Cardarelli, Penna, Campana, Zanzotto e Majorino e tanti altri.

Condividi!

About Redazione