Al Natatorium la Treviso SwimCup

chad le clos 3 300x230 Al Natatorium la Treviso SwimCup

Due giorni di grande nuoto per la prima edizione di Treviso SwimCup, in programma al Centro Natatorio Comunale di Treviso venerdì 26 e sabato 27 giugno 2015. Il primo evento di nuoto internazionale a Treviso, patrocinato da Regione Veneto, Provincia di Treviso, Comune di Treviso, CONI e FIN Veneto,  vedrà la partecipazione straordinaria di rappresentative straniere provenienti da SudAfrica, Austria, Hong Kong e Francia. Un centinaio, in particolare, gli atleti che rappresenteranno la nazionale sudafricana, guidati dalle stelle Chad Le Clos, oro a Londra 2012 e campione del mondo nei 100 e 200 farfalla, e Cameron Van Der Burgh, oro a Londra 2012 e campione del mondo nei 50 e 100 rana. Saranno loro le punte di diamante di questo primo “Meeting dei Campioni” trevigiano, che potrà comunque contare sulla partecipazione straordinaria di campioni italiani come Fabio Scozzoli, primatista europeo nei 50 e 100 rana, e Lisa Fissneider, giovane campionessa mondiale ed europea nei 50 rana.

Una grande opportunità, dunque, per i circa 1000 atleti iscritti delle categorie Esordienti A – Ragazzi –Junior – Assoluti di nuotare a fianco di grandi star internazionali e confrontarsi con loro nelle oltre 3000 gare che si svolgeranno nella vasca olimpionica esterna da 50 metri dell’impianto natatorio di Treviso. Saranno 57 le società italiane partecipanti (37 Veneto, 4 Friuli Venezia Giulia, 6 Lombardia, 2 Toscana, 2 Trentino Alto Adige e 1 Emilia Romagna) con un folto pubblico al seguito, che prenderà posto nelle gradinate e potrà cogliere l’occasione di ricevere un autografo o farsi fotografare insieme alle star del nuoto.

«Obiettivo di questa prima edizione è creare i presupposti per portare stabilmente il nuoto di livello internazionale a Treviso – afferma Roberto Cognonato, direttore del Centro Natatorio Comunale – un’iniziativa che vuole stimolare gli atleti più giovani, mettendoli a contatto con dei veri professionisti che a Treviso verranno a prepararsi in vista dei mondiali di nuoto che si terranno a luglio a Kazan, in Russia. Le prime risposte sono state molto positive: puntavamo alla partecipazione di 700 atleti, ma dopo pochi giorni dall’apertura delle iscrizioni abbiamo raggiunto quota 1000, vedendoci costretti a chiuderle per rispettare la capacità dell’impianto».

«Treviso si conferma ancora una volta provincia dello sport – commenta Gianni Garatti, presidente del Consorzio di Promozione Turistica Marca Treviso – una dimostrazione che il nostro territorio sa offrire la giusta accoglienza agli sportivi e che le nostre strutture ricettive sono adeguatamente preparate ad ospitare un evento internazionale come questo, che porterà a Treviso circa 130 atleti stranieri e il relativo staff. Abbiamo immediatamente sposato il progetto di Treviso SwimCup perché crediamo possa aprire una nuova opportunità in una provincia tradizionalmente legata ad altri sport (su tutti il ciclismo), dopo un anno in cui la Marca Trevigiana ha sofferto un leggero calo di presenze turistiche».

«In Veneto il nuoto rappresenta un movimento forte e infatti la nostra regione è da sempre uno dei principali bacini della nazionale – prosegue Roberto Cognonato – certamente Treviso ha fatto passi da gigante negli ultimi vent’anni, sia dal punto di vista delle infrastrutture, che oggi ci permettono di organizzare un evento di livello internazionale, sia dal punto di vista sportivo: lo scorso weekend, ad esempio, ha visto brillare i nostri atleti, in particolare Andrea Pegoraro ai campionati italiani di nuoto pinnato di Torino, vincitore della gara 100 pinne e convocato per i Mondiali in Cina del mese di luglio prossimo; grande risultato anche per Barbara Pozzobon, terza classificata ai campionati italiani assoluti di Castel Gandolfo, dove ha gareggiato insieme alle grandi del nuoto italiano di fondo».

Condividi!

About Redazione