RASPELLI RACCONTA IL RADICCHIO DI CASTELFRANCO

CIMG1325 300x225 RASPELLI RACCONTA IL RADICCHIO DI CASTELFRANCO

Il noto gastronomo nell’azienda Nonno Andrea

Il noto giornalista e critico gastronomico protagonista di una tre giorni nella campagne della Marca dove  sta girando la puntata 440 di “Melaverde”, il noto programma dedicato all’agricoltura in onda ogni domenica su Canale 5.

Una puntata tutta dedicata alla rosa d’inverno. La troupe di Melaverde, format in onda ormai da 14 anni su Mediaset, cresciuto notevolmente (oltre un milione di spettatori per tutta la messa in onda) grazie al passaggio da Rete 4 alla rete ammiraglia, Canale 5, sta trascorrendo tre giorni nella campagne alle porte di Treviso per una puntata tutta dedicata al Radicchio Variegato di Castelfranco IGP. Il presentatore Edoardo Raspelli, giornalista e noto critico gastronomico de La Stampa di Torino, ha passato la giornata e si tratterrà anche domani, nell’azienda agricola “Nonno Andrea” a Venturali di Villorba per conoscere dalla famiglia Manzan tutti i segreti del processo di produzione del Variegato di Castelfranco IGP. Per Raspelli un gradito ritorno nella Marca: “Alcuni anni fa abbiamo girato una puntata dedicata al Radicchhio Rosso di Treviso, ma questa volta abbiamo scelto di dedicare la nostra attenzione ad un prodotto meno conosciuto ma bellissimo come il Variegato di Castelfranco – spiega lo stesso giornalista- . Anche per volontà del nostro autore, Giacomo Tiraboschi, che è anche ideatore di “Melaverde”, andiamo a scoprire sempre più prodotti di nicchia, ma ugualmente interessanti”. In effetti, nonostante il trend di grande crescita che il Variegato ha avuto in questi anni, la produzione rappresenta circa il 20-30% tra i Radicchi IGP tutelati dal Consorzio. Davanti alle telecamere Paolo Manzan, titolare della “Nonno Andrea”ma anche presidente del Consorzio di Tutela del Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco IGP, ma anche la moglie Sandra, che si è cimentata ai fornelli, hanno saputo raccontare in ogni dettaglio le peculiarità della “rosa di Castelfranco”: l’intero processo di produzione dalla semina, alla raccolta, dall’imbianchimento alla toelettatura. Per la preparazione dei piatti è intervenuto anche lo chef trevigiano Denis Manente. La puntata andrà in onda nel mese di febbraio.

Treviso, 24 gennaio 2013

About Redazione