Magica atmosfera a Borgo Malanotte per Calici di Stelle

1598829 607300282701540 7292267615765677175 o 300x112 Magica atmosfera a Borgo Malanotte per Calici di Stelle

Una magica notte da vivere in uno dei borghi rurali più beli e preservati del Venete: Borgo Malanotte a Tezze di Piave. La manciata di case, risalenti al Seicento, raccolte tra cortili, aie e porticati e al centro Villa Dirce con il suo parco: faranno rivivere un’atmosfera d’altri tempi per l’evento Calici di Stelle in programma Domenica 10 Agosto, notte di San Lorenzo e inserito nella rassegna enoturistica Malanotte d’Estate (www.malanottedestate.tv) promossa dall’Unpli di Treviso.

Un appuntamento sostenuto da 5 amministrazioni comunali, 9 Pro Loco e due Consorzi, tante associazioni di volontari, tutti uniti per promuovere sapori e i vini di carattere dell’area del Piave. Un appuntamento di qualità che vedrà la presenza di oltre 60 cantine del territorio che proporranno tutta la varietà della produzione: dal Raboso DOC al Malanotte DOCG, al Prosecco Doc fino ai rosati. Vini serviti dai sommelier professionali dell’AIS che si potranno anche conoscere grazie alle degustazioni guidate curate dalla Confraternita del Raboso. Un percorso di gusto, dove ad ogni tappa troveranno il miglior abbinamento vini e specialità gastronomiche (realizzate in collaborazione con il ristorante Villa Dirce).

 IL PROGRAMMA- La manifestazione è a numero chiuso (3mila i posti a disposizione), si potrà accedere dalle 19,30. E’ possibile prenotare al Comune di Vazzola Comune di Vazzola: tel. 0438.440 872 – fax 0438.440 889
e-mail: urbanistica@comune.vazzola.tv.it, la prenotazione è valida fino alle 21.30). Il costo dell’ingresso è di 15 euro e prevede la consegna di un calice serigrafato, un tracolla e la mappa delle degustazioni. Ben sette in piatti in menù: dalla pasta e fagioli, agli gnocchi, dal risotto dalla pancetta alla piastra al piatto del borgo e poi dolci, frutta, grappe.

Tutta la serata sarà animata dai canti popolari e dai balli del “Gruppo Folcloristico Trevigiano” e sarà possibile l’osservazione guidata delle stelle con telescopio a cura degli Astrofili di Vittorio Veneto. La Confraternita invece curerà le degustazioni guidate (ore 21,00 – 21,45 – 22,30) alla scoperta di 3 qualità di Raboso Piave. Alle ore 22,30 si terrà la premiazione dei vini della “Selezione del Sindaco 2014″, concorso tra cantine locali. In caso di maltempo il programma non subirà variazioni.

“Oggi il borgo conta 21 famiglie, circa 60 abitanti, strenuamente impegnati – spiega Lucio Pizzinato, Associazione Culturale Borgo Malanotte – nella sua valorizzazione e questo appuntamento è sicuramente il cuore dei nostri eventi”.

“Rispetto alle tante manifestazioni estive, questa di Borgo Malanotte – aggiunge il presidente della Pro Loco di San Gregorio, Sergio Battistella – ha sicuramente portato avanti uno standard qualitativo di qualità che consente di godere appieno dell’atmosfera del borgo. Anche per questo il numero dei partecipanti è limitato, perchè i nostri visitatori (che arrivano da tutto il Nordest) possano vivere una esperienza unica e le cantine possano presentare al meglio i propri vini”.

BORGO MALANOTTE, DOVE IL TEMPO SI E’ FERMATO

Il Borgo Malanotte, gioiello architettonico rimasto integro per oltre 300 anni, è iscritto fra i Centri Storici del Veneto. Il suo nome deriva da i “Malanotti”, o “Malenotti”, una delle più illustri e nobili famiglie di Caldès, in Val di Sole – Trentino, facoltosi mercanti di lane. Verso la metà del ‘600 un ramo della famiglia si trasferisce a Venezia e, nel 1670, acquista i primi terreni e case a Tezze di Piave. Negli anni successivi viene iniziata la costruzione della Villa del Borgo, utilizzando ed ampliando i fabbricati preesistenti con a fianco le abitazioni dei coloni, le stalle e i granai, posti lungo la strada su tre schiere o file parallele. Durante i duecento anni di presenza dei Malanotte nel Borgo abitavano 200-250 persone distribuite in una trentina di famiglie formate da coloni e da artigiani, costituendo una unità agricola – produttiva autonoma, con fabbri, falegnami, carrettieri e carpentieri, con l’oste; il Borgo disponeva anche di una Filanda e di una Cantina per la produzione del vino, affermandosi oltre i confini locali.

MALANOTTE PIAVE DOCG, UN GRANDE VINO DA SCOPRIRE

Un luogo che dà il nome alla rassegna e prima ancora al grande vino rosso Malanotte Piave DOCG. Un vino complesso, che alla sua base uvaggio di Raboso, in parte (dal 15% al 30%) appassite prima della pigiature. Poi una lunga attesa prima di arrivare ai calici: almeno 36 mesi in cantina (12 passati nelle botti) per ottenere questo vino dal sapore austero e colore rosso rubino intenso spezzato da riflessi violacei.

 

Condividi!

About Redazione