Lateria Soligo lancia il latte di qualità verificata

10708605 740953262632049 8102393589948288170 o 300x111 Lateria Soligo lancia il latte di qualità verificata

Soligo crede sempre più nel latte di qualità: da oggi non è solo uno slogan ma una certezza. L’azienda veneta (forte di un fatturato 2013 da 65 milioni di euro), nel corso di un incontro organizzato da Regione del Veneto, ha presentato il 18 Settembre (a Palazzo Moroni, Padova) il nuovo latte a Marchio QV (Qualità Verificata) che si troverà sul packaging del Latte Fresco Alta Qualità e sul Latte Alta Digeribilità PLUS (a basso contenuto di lattosio). Latteria Soligo, storica cooperativa forte di oltre 130 anni di storia, è infatti l’unica azienda del comparto lattiero caseario ad aver ottenuto dalla Regione Veneto il riconoscimento QV, definito dalla Legge regionale n.12/2001 “Tutela e valorizzazione dei prodotti agricoli e agro-alimentari di qualità”. Un marchio che riguarda ad oggi aziende di vari settori (ortofrutta, carni, lattiero-caseario e ittico) e che garantisce all’ agroalimentare “Made in Veneto” di presentarsi ai consumatori nazionali e internazionali con la certezza di standard qualitativi di eccellenza e una rete di controlli di assoluta garanzia. Nell’ambito della presentazione, l’assessore regionale all’Agricoltura, Franco Manzato ha inoltre illustrato le iniziative che Regione Veneto intende mettere in campo per la promozione del marchio QV.

Sono trenta, dislocate tra Veneto e Friuli, le prime aziende socie di Latteria Soligo ad aver ottenuto la certificazione. Il latte a Qualità Verificata è già a disposizione dei consumatori.

Tre i fondamenti del rigoroso disciplinare dedicato al latte vaccino:

  • il controllo dell’intero processo produttivo, dall’allevamento al confezionamento attraverso la certificazione di enti indipendenti (nel caso di Soligo la certificazione è affidata ad una autorità riconosciuta come CSQA).
  • le particolari proprietà nutrizionali del latte, ottenute attraverso l’uso di alimenti zootecnici ricchi di grassi polinsaturi “Omega-3” che, come sappiamo, agiscono positivamente sul sistema cardio-vascolare
  • l’attenzione al benessere animale, mediante l’applicazione di idonee condizioni di stabulazione.

“Perché abbiamo deciso di aderire al marchio QV? Lo abbiamo fatto – spiega il presidente di Latteria Soligo, Lorenzo Brugnera – per rispondere alle esigenze dei consumatori sempre più indirizzate alla ricerca di prodotti di qualità e ad alto livello salutistico: è infatti assodato che integrare la dieta con quote di acidi insaturi ha effetti benefici sulla salute umana. Latteria Soligo ha scelto la strada più impegnativa, ma siamo certi più giusta, cioè quella di migliorare il latte in maniera naturale, attraverso l’integrazione della dieta animale con i semi di lino, le cui proprietà sono note da sempre. Una scelta che si distingue rispetto all’addizionamento di grassi insaturi a livello industriale durante la trasformazione in caseificio”.

“La seconda motivazione, è di carattere più generale e strategico. Siamo in un momento di grande trasformazione per il comparto del latte a livello Europeo e non solo. Attualmente arrivano segnali dai Paesi del Nord Europa di un incremento della produzione, che non potrà che continuare a crescere con il ritorno al mercato libero e l’abolizione delle Quote Latte nel 2015. Di fronte a questi cambiamenti, una storica azienda cooperativa come la nostra, che riunisce allevamenti di medio-piccole dimensioni, non può che rispondere con la qualità. Dobbiamo differenziarci offrendo ai consumatori un prodotto di nicchia, dal chiaro valore aggiunto (con caratteristiche organolettiche migliori) e garantito da un marchio istituzionale”.

Per Latteria Soligo è importante anche l’aspetto etico legato alla zootecnia: “I soci che hanno aderito a il progetto Latte QV – spiega il vertice di Latteria Soligo – si infatti impegnano a mettere al centro dell’attività di zootecnia da latte il benessere degli animali, applicando nelle proprie stalle un disciplinare che, ad esempio, in tema di stabulazione delle bovine assegnata maggiori spazi di movimento agli animali mentre sul fronte dell’alimentazione privilegia l’utilizzo di foraggi e fieni, come vuole la tradizione. Inoltre, forti delle ricerche scientifiche condotte da Latteria Soligo in collaborazione con la facoltà di Agraria dell’Università di Padova e Veneto Agricoltura, è garantita l’aggiunta alla razione giornaliera delle bovine di semi di lino, in grado di aumentare l’apporto naturale di acidi grassi e Omega-3 che, è provato scientificamente, si ritrovano poi nel latte delle nostre mucche”.

Il latte a marchio QV si troverà in tutta la rete distributiva Soligo (dai market alla GDO), in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna e Lombardia. Altra novità, che rende il progetto unico in Italia è la presenza su ogni confezione di Tetrapack di un QR Code che, inquadrato con uno smarth phone, consentirà al consumatore di conoscere già dal banco frigo del supermercato tutte le informazioni relative alla filiera di produzione di quel singolo litro di latte: la geo-localizzazione della stalla di mungitura, le immagini dell’allevamento, la centrale del latte di confezionamento. Una garanzia di totale trasparenza e rintracciabilità che, grazie alla tecnologia più moderna consentirà un ritorno al passato: recuperare il contatto diretto tra l’allevatore, che con le sue mucche produce ogni giorno buon latte fresco, e le famiglie che quotidianamente lo portano sulle tavole.

“Siamo la prima azienda lattiero casearia ad aver investito in un progetto così importante che – conclude il presidente, Lorenzo Brugnera – ci consentirà di proporre sul mercato un latte diverso e migliore rispetto ai competitor. La strada imboccata da Soligo è infatti quella della qualità, l’unica che dal 1883 ci permette di realizzare “prodotti perfetti” come recita l’impegno inserito dai padri fondatori nel nostro statuto”.

www.latteriasoligo.it

Ufficio Stampa a cura di Zeta Group srl

Tel.0422 303042

Mob.349.2555054

Mail: stampa@zetagroup.tv

www.zetagroupcomunicazione.it www.zetagroupvideo.it

Condividi!

About Redazione