Macellaio Bassetto festeggia la Brexit: carne inglese ora extracomunitaria

bassetto qualità verificata375x262 300x199 Macellaio Bassetto festeggia la Brexit: carne inglese ora extracomunitaria

“Grazie al Brexit l’angus è diventata carne extracomunitaria. Ciao ciao angus!”. Parola del maestro macellaio Bruno Bassetto, famoso per i suoi record mondiali con la salamella e per la sua battuta di carne a coltello, oltre che ai libri gastronomici, che dalla sua Marca trevigiana battezza il voto sulla Brexit, l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, come positivo per almeno questo aspetto: “Tutti sappiamo che la carne made in Italy unisce la bontà alla sicurezza e per quanto mi riguarda la carne veneta se non esistesse bisognerebbe inventarla – sottolinea con ardore il macellaio scrittore Bruno Bassetto che da un anno è stato ufficialmente nominato testimonial d’eccezione della carne made in Veneto a marchio “Qualità Verificata”. Qualità Verificata è il sistema di qualità che la Regione del Veneto ha istituito con la legge regionale n. 12/2001 “Tutela e valorizzazione dei prodotti agricoli e agroalimentari di qualità”, per qualificare le produzioni agroalimentari e offrire maggiori garanzie ai consumatori. “L’accento della nostra carne veneta va messo sugli sforzi dei nostri allevatori che seguono i disciplinari di produzioni imposti proprio dalla Regione Veneto per garantire ai consumatori un prodotto di altissima qualità, sano e verificato – sottolinea ancora Bruno Bassetto orgoglioso di essere il testimonial di questo prodotto regionale. “Con Brexit il consumatore è aiutato in quanto ancor di più si può rendere conto che alcuni prodotti sfuggono ai rigidi controlli ed ai severi protocolli di produzione che al contrario ci sono in Italia e in particolar modo in Veneto – continua Bassetto – Con mucca pazza i consumatori italiani hanno già pagato un prezzo per colpe altrui. Ora con Brexit sediamoci a tavola a gustarci quella che tutto il mondo ci invidia, una gustosissima porzione di carne di casa nostra”.

BRUNO BASSETTO (fonte Newsfood) Entusiasmo, comunicativa, amore per la semplicità e concretezza. Sono i tratti distintivi di Bruno Bassetto, classe ’48, trevigiano doc, di San Cipriano di Roncade, con alle spalle ben 50 anni di esperienza nel settore delle carni, la sua ragione di vita. A 15 anni lascia il banco di scuola per quello della bottega dove inizia l’apprendistato come garzone e banconiere. E’ lavorando sul campo che intuisce velocemente come questa sia la sua vera grande passione. Una lunga gavetta nel mondo della GDO e poi nel ‘72 il grande passo, l’apertura del ‘Tempio’ come lui lo chiama, il negozio in località San Liberale alle porte di Treviso, specializzato in carni selezionate e tipicità della Marca Trevigiana, che nell’estate 2014 chiude i battenti. Ma Bassetto non si limita a stare dietro il bancone, da sempre infatti crede nell’importanza di viaggiare, per capire cosa succede nel mondo, e imparare confrontandosi con le esperienze altrui. Partecipa infatti nel tempo a svariate manifestazioni, dalle fiere ai concorsi, nel 1993 è in giuria a Parigi alla Federazione Francese per il concorso gastronomico internazionale, rappresenta il gruppo macellai della provincia di Treviso, presta varie consulenze come macellaio italiano in eventi esteri e come esperto nella lavorazione delle carni. Nel corso della sua carriera vince molti premi nazionali ed internazionali. Bassetto è stato protagonista di serate in prestigiose location e al servizio di illustri personalità (tra cui Papa Benedetto XVI in occasione delle vacanze estive in Cadore), organizzatore di serate presso i principali ristoranti della Marca per promuovere i prodotti tipici del nostro territorio e presente col proprio servizio catering nelle aree hospitality di note iniziative a livello nazionale, tra le più recenti diverse edizioni di Miss Italia in collaborazione col gruppo Ristoratori del Radicchio d’Oro, e numerose partite di calcio allo Stadio Olimpico di Torino e Roma.

 

Condividi!

About Redazione