Colori, forme, immagini del silenzio: l’arte oltre l’autismo

autismo 300x202 Colori, forme, immagini del silenzio: larte oltre lautismo

L’immagine scelta a simbolo della mostra

In Italia sono autistici oltre 10 bambini ogni 10mila. Il muro più difficile da abbattere è la mancanza di relazioni e l’isolamento che circonda queste persone e le loro famiglie, specie quando quei bambini si fanno ragazzi e poi adulti. Dare voce a questo silenzio, rendere visibile ciò che da sempre è costretto all’invisibilità: questo è lo scopo di COLORI, FORME, IMMAGINI DEL SILENZIO la prima grande esposizione internazionale dedicata all’autismo che si inaugurerà il prossimo Sabato 20 Luglio alle 18,30 a Vittorio Veneto. Una città scelta non a caso dall’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici – che organizza l’evento – nata nel 1984 per volontà, tra gli altri, proprio di un vittoriese Luigi Termanini. L’Agsa ha poi incontrato il sostegno concreto del Gruppo Europa della Libertà e dalla Democrazia del Parlamento Europeo, grazie alla sensibilità dell’On.Giancarlo Scottà, pittore per passione e vicino al mondo della disabilità.

La mostra sarà allestita nel Museo Cenedese e nella Torre dell’Orologio del magnifico borgo di Serravalle. Tre le sezioni in cui sarà articolata. La prima comprende disegni e tele di bambini, ragazzi e giovani adulti di tutta Italia raccolte dall’Agsa. La seconda amplia lo sguardo a livello internazionale con il contributo di opere di giovani e adulti di tutto il mondo, affetti da autismo. Infine la terza sezione è stata realizzata grazie al contributo di artisti contemporanei: ci sarà Pierluigi Slis, che ha esposto con successo anche alla passata Biennale e poi Giovanni Bet e Corinne Zanette, animatori del centro d’arte Z-Lab e ancora Davide Maset e Stefano Cattai.

E’ ormai chiaro che linguaggio artistico rappresenti per bambini e giovani affetti da Disturbi Pervasivi dello Sviluppo non solo un importante approccio terapeutico, ma anche una vero linguaggio, alternativo e universale, attraverso il quale esprimere il proprio mondo interiore. Con effetti talvolta inattesi, da tempo, infatti era nota la predisposizione di molte persone autistiche per la matematica, oggi studi di livello internazionale hanno messo in evidenza come si sviluppino veri talenti anche nel campo artistico. Questa speciale mostra vuole perciò evidenziare come la mente autistica, nel suo modo speciale di vedere il mondo, abbia talenti e compiti in cui può eccellere. Allo stesso tempo vuole far sentire la voce delle famiglie autistiche rompendo il loro isolamento. Mutuando le parole raccolte nel libro di Luigi Termanini, “Senza rassegnarsi mai”: “è un messaggio di speranza, in quanto la vita con un figlio autistico è senza dubbio complicata e dura, però può riservare delle grosse soddisfazioni: basta saperle cercare”.

All’inaugurazione (Sabato alle 18,30 alla Loggia del Museo Cenedese) interverranno L’On.Giancarlo Scottà Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia nel Parlamento Europeo, Alessandra Visentin, Presidente ANGSA Treviso e Luciana Della Giustina, Psicologa psicoterapeuta. L’evento è realizzato in collaborazione con Museo del Cenedese, Associazione Culturale Noi e Associazione La Ruota e ha il patrocinio dell’Ulss 7 di Pieve di Soligo (TV), della Città di Vittorio Veneto e del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della Sinistra Piave. La mostra sarà aperta fino al 31 Agosto e sarà accompagnata da una serie di eventi collateriali:

·         Mercoledì 24 luglio ore 21.00

SENZA RASSEGNARSI MAI

di Luigi Termanini, Presentazione libro

·         Giovedì 25 luglio ore 21.00

L’ARTE CHE CURA

Incontro con Cinzia Caronda, arte-terapeuta e Marco Napoletano, educatore

·         Mercoledì 31 luglio ore 21.00

DOVE ANDIAMO PAPÀ?

di Jean Louis Fournier, Lettura con Franziskus Vendrame

·         Giovedì 1 agosto ore 21.00

BEN X (2007, Nic Balthazar), Proiezione film

Condividi!

About Redazione